Laeneo (100% Nerello Cappuccio) - Etna Rosso DOC, da sfoggiare nelle migliori occasioni conviviali. Viene realizzato da sole uve Nerello Cappuccio 100%, cresciute e maturate nella zona di Biancavilla, territori da sempre vocati alla viticoltura.

 

Rubino denso e luminoso nel calice, incanta con un naso coinvolgente e succoso di rara fragranza: erbe officinali, pepe giamaicano, corbezzoli freschi e in chutney, origano e infuso di melograno e cardamomo. Al palato croccante, intenso e fresco ma denso di speziatura, forte di mediterraneo calore e di grande freschezza: frutto agil e godurioso tra ribes, uvaspina e composta di petali di rosa e limone di Amalfi.

 

In grado di accompagnare tutti i piatti, ideale soprattutto per un aperitivo o un pranzo a base di salumi, carni bianche o arrosti.

 

"Dioniso attenua la sua inquietudine bevendo vino giovane nelle brume di gennaio. Al crepitio delle braci, nella sera, vino e carne si fan sangue e sentimento, forza interiore, coraggio davanti al nascere del tempo nuovo."

Laeneo Etna Rosso DOC

  • DENOMINAZIONE: Sicilia D.O.C.
    VARIETA’: Nerello Cappuccio 100%

    NOTE DI DEGUSTAZIONE
    COLORE: rosso rubino, sfumature malva
    PROFUMI: note ferrose, incenso, pepe, cannella, prugna, carrubo
    GUSTO: prugna e amarena matura, pepe nero, mora selvatica, sapido

    CARATTERISTICHE DEL TERRITORIO DI PRODUZIONE
    ZONA DI PRODUZIONE: Biancavilla
    SUPERFICIE VITATA: 1,5 ha
    ANNO IMPIANTO VIGNETI: 1970
    ESPOSIZIONE: Sud
    ALTITUDINE S.L.M: 900 mt
    DATA VENDEMMIA: Ottobre
    RESA PER HA: 6.000 kg
    VINIFICAZIONE: diraspa-pigiatura soffice a rulli dopo accurata selezione delle uve in vigna e sul nastro di cernita in cantina
    PRE-MACERAZIONE: pre-macerazione a freddo 48-72 ore a 12°c per estrarre profumi e colore
    FERMENTAZIONE: fermentazione a temperatura controllata in serbatoi di in acciaio inox
    TEMPI DI MACERAZIONE SULLE BUCCE: 5-7 giorni
    AFFINAMENTO: affinamento in bottiglia per minimo 12 mesi
    BOTTIGLIE PRODOTTE: 6.000.

     

  • Tenuta di Fessina è un progetto emozionale, che nasce sulla scia di un innamoramento di Silvia Maestrelli per questa terra ricca di contrasti. Nel 2007, in collaborazione con l’enologo Federico Curtaz, già agronomo di Gaja per venti anni, la produttrice toscana acquista un vecchio vigneto di Nerello Mascalese risalente al secolo scorso. Al centro del vigneto, un vero scrigno: un palmento del Settecento in pietra lavica, con l'antica "chianca" - torchio per la pressatura delle vinacce - ancora intatta. I' vigne di Fessina, come la gente di queste terre chiama da sempre la tenuta di Rovittello, nel Comune di Castiglione di Sicilia, raccontano bene la cura e l'amore con cui sono state coltivate e conservate dai precedenti proprietari, a cui è stato dedicato, come forma di ringraziamento per non aver mandato in fumo i vigneti sull'Etna, il cru di Nerello Mascalese Il Musmeci, ETNA Rosso. A colpo d'occhio, Fessina appare come un vero giardino dai frutti d'oro o un bosco nano di brillanti chiome verdi spettinate dal vento nutriente della Montagna di fuoco, incastonato tra due fertilissime colate laviche, con alberelli centenari avvitati su se stessi ed espressivi come sculture naturali. Impossibile non innamorarsene a prima vista.